L'estate dell'isola d'Elba: traghetti, spiagge, ristoranti a prova di coronavirus

Di turismo si parla tantissimo, in queste settimane di quarantena: costituisce il 13% del PIL italiano, rischia di essere uno dei settori più danneggiati dal distanziamento sociale imposto in attesa di una cura o di un vaccino contro il covid-19. Saranno mesi all'insegna del turismo nazionale, dicono gli esperti, saremo più local che mai e siamo fortunati: viviamo in un Paese bellissimo, ricco di storia, di cultura, di arte, di bellezze naturali e paesaggistiche. Sto ricevendo tanti comunicati stampa da luoghi d'Italia che informano circa le misure prese per garantire la sicurezza ai propri turisti e per permettere a tutti di godere di natura, sole, arte ed estate.

Isola d'Elba Isola d'Elba
Rio Marina (sin) e il mare nei suoi pressi (des). Foto di Roberto Ridi

L'Isola d'Elba ha lanciato #Elbasicura, grazie a un tavolo di lavoro che ha messo insieme tutti gli operatori del turismo, proprio per garantire le migliori misure di sicurezza a chi arriverà per l'estate. Si parte dai traghetti, che saranno a "portata ridotta così da garantire le distanze negli spazi comuni e, per alcune corse specifiche, sarà consentito rimanere in auto così da raggiungere la propria destinazione senza scendere dal proprio mezzo. Per facilitare lo spostamento verso l'Isola, niente più soggiorno solo 'da sabato a sabato': molte strutture accetteranno anche arrivi e partenze in giorni diversi. In questo modo i viaggiatori saranno diluiti durante la settimana, così da rendere ulteriormente piacevole e sicura la traversata"

Nelle oltre 200 spiagge disponibili, ci sarà il distanziamento tra gli ombrelloni: "Le spiagge libere restano la principale caratteristica dell'Isola. In caso di massimo afflusso un servizio di informazione già predisposto dai Comuni fornirà in tempo reale notizie sulle presenze nelle singole spiagge, permettendo agli ospiti di andare ogni giorno a colpo sicuro nella scelta della spiaggia preferita. Il servizio sarà consultabile negli uffici informazione, negli hotel e via web". Gli stabilimenti balneari hanno (generosamente, bisogna dirlo) dato la disponibilità a "installare nelle spiagge libere gli ombrelloni non utilizzati all'interno delle proprie strutture, garantendo così postazioni ombreggiate gratuite già montate e distanziate".

Anche nelle strutture d'accoglienza, pieno rispetto delle distanze di sicurezza: gli alberghi si sono appositamente attrezzati, in modo da rendere confortevoli e sicure le vacanze e, informa il comunicato stampa, "per rendere la vacanza ancora più speciale, saranno incrementati i servizi presso gli hotel, come per esempio la cena in terrazzo o in camera (senza sovrapprezzi), proposti da varie realtà. Ogni alloggio sarà poi consegnato all'arrivo completamente sanificato". E per mangiare nuovi servizi, sempre per garantire la sicurezza: i ristoranti garantiscono gli ampi spazi necessari al distanziamento sociale, ma anche "una cena sul balcone dell'appartamento o della camera, a tu per tu con il tramonto, con un menù gourmet tipico elbano pronto da assaggiare o un aperitivo da gustare, portato direttamente a casa. Chi la sera vorrà sfruttare le ore più belle della giornata sul mare potrà inoltre ordinare la spesa online e farsela recapitare nella spiaggia scelta, pronta per essere ritirata prima di andare a casa e senza preoccupazioni di orario, oppure farsela portare al proprio domicilio".

L'isola d'Elba non è solo mare, però, ci sono ben 400 chilometri di sentieri, che garantiscono libertà di movimento e, ovviamente, tutta la distanza necessaria; se si affittano le biciclette, i punti di noleggio aderiscono al protocollo di sanificazione concordato con l'ASL.

L'estate inizia tra un mese, all'Elba si sono già preparati per accogliere i turisti con tutte le misure di sicurezza che garantiscono una vacanza a prova di covid-19. Il resto tocca a noi: la voglia di godere una vacanza nel nostro Paese e di scoprire le sue bellezze, come l'isola d'Elba, dev'essere tutta nostra. Garantendo, anche noi, come turisti, il rispetto di tutte le norme, per la sicurezza di tutti. Il sito web per saperne di più è www.visitelba.it.


Commenti