Tre visite al cantiere di restauro della Fontana del Nettuno di Villa della Regina

L'ingresso a Villa della Regina, la residenza sabauda più panoramica di Torino, avviene attraverso un lungo viale, in salita, chiuso dal grandioso Grand Rondeau, al cui centro c'è la Fontana del Nettuno. È affiancata da due monumentali scalinate laterali simmetriche, disposte a tenaglia, mentre lo sguardo è già attirato dalla villa, finalmente a due passi. Le simmetrie scenografiche, l'asse visuale, la meraviglia sono tutti elementi del barocco torinese che trovano espressione in questa residenza. Saranno ancora più leggibili dopo il restauro delle sculture della fontana, che parte in questi giorni e che avviene grazue al lavoro degli studenti del primo anno del settore di specializzazione in Materiali lapidei e derivati; Superfici decorate dell'architettura del Corso di Laurea magistrale in Conservazione e Restauro dei Beni Culturali dell'Università degli Studi di Torino, in convenzione con la Fondazione Centro Conservazione e Restauro "La Venaria Reale&q

Le visite virtuali a 360° ai patios fioriti di Córdoba, su youtube

Se aprile è il mese di Siviglia, in Andalusia maggio è il mese di Córdoba. È il mese dei suoi patios fioriti, che partecipano al concorso per scegliere il più bello, secondo criteri che guardano non solo al risultato estetico, ma anche all'attenzione per la storia e per la cultura. La Fiesta de los Patios è Patrimonio Immateriale dell'Umanità dell'UNESCO dal 2012, ma anche lei, come tanti eventi, quest'anno è saltata, a causa del covid-19, che ha colpito la Spagna con particolare durezza.


Ma togliere a un cordobese il concorso dei patios è come togliere a un italiano il caffè o a un marinaio il mare, dunque in città hanno rimediato subito, inventandosi Abriendo puertas, che propone ben 27 passeggiate virtuali nei patios cordobesi su youtube. In ogni video (la durata va dai 4 ai 13 minuti), i padroni di casa raccontano il loro patio, come lo curano, cosa amano, cosa apprezzano, quali le piante a cui non rinuncerebbero.


E mentre loro parlano, vengono proposte foto navigabili a 360° del cortile, così da viverlo come se si fosse lì (mancano davvero solo i profumi). Un'idea brillante, che introduce a questa tradizione irrinunciabile dell'Andalusia, ereditata dall'epoca araba (ma la casa araba, si sa, è interpretazione dell'antica domus romana: tutto finisce sempre a Roma). In attesa di poter trascorrere davvero qualche giorno di maggio nella bella capitale di Al Andalus, questa serie di video offre un primo contatto con mentalità e idiosincrasie cordobesi.

Tutti i video sono su www.youtube.com


Commenti