Incontri da non perdere, al Festival del Classico

Libertà e Schiavitù è il tema del Festival del Classico, a Torino dal 2 al 5 dicembre 2021, al Circolo dei Lettori, in via Bogino 9, e in diverse altre sedi sparse per la città. Alla sua quarta edizione, la manifestazione, che usa il pensiero degli antichi per analizzare i fenomeni del presente, offrirà oltre 40 incontri "tra lezioni magistrali, letture, dialoghi, dispute dialettiche e seminari, per riflettere su antiche e nuove disuguaglianze, per mettere a confronto le libertà degli antichi e dei moderni, per dare voce ai classici" anticipa il comunicato stampa. Consideriamo la schiavitù una realtà del mondo antico, quando gli sconfitti diventavano schiavi dei vincitori, quando i padroni avevano potere di vita e di morte sui propri schiavi, avendo il potere di venderli al miglior offerente o di regalare loro la libertà. "La schiavitù nel mondo occidentale è sempre esistita? È ancora presente, al giorno d'oggi, sotto nuove forme? Qual è il risultato della globalizz

Le visite virtuali a 360° ai patios fioriti di Córdoba, su youtube

Se aprile è il mese di Siviglia, in Andalusia maggio è il mese di Córdoba. È il mese dei suoi patios fioriti, che partecipano al concorso per scegliere il più bello, secondo criteri che guardano non solo al risultato estetico, ma anche all'attenzione per la storia e per la cultura. La Fiesta de los Patios è Patrimonio Immateriale dell'Umanità dell'UNESCO dal 2012, ma anche lei, come tanti eventi, quest'anno è saltata, a causa del covid-19, che ha colpito la Spagna con particolare durezza.


Ma togliere a un cordobese il concorso dei patios è come togliere a un italiano il caffè o a un marinaio il mare, dunque in città hanno rimediato subito, inventandosi Abriendo puertas, che propone ben 27 passeggiate virtuali nei patios cordobesi su youtube. In ogni video (la durata va dai 4 ai 13 minuti), i padroni di casa raccontano il loro patio, come lo curano, cosa amano, cosa apprezzano, quali le piante a cui non rinuncerebbero.


E mentre loro parlano, vengono proposte foto navigabili a 360° del cortile, così da viverlo come se si fosse lì (mancano davvero solo i profumi). Un'idea brillante, che introduce a questa tradizione irrinunciabile dell'Andalusia, ereditata dall'epoca araba (ma la casa araba, si sa, è interpretazione dell'antica domus romana: tutto finisce sempre a Roma). In attesa di poter trascorrere davvero qualche giorno di maggio nella bella capitale di Al Andalus, questa serie di video offre un primo contatto con mentalità e idiosincrasie cordobesi.

Tutti i video sono su www.youtube.com


Commenti