Incontri da non perdere, al Festival del Classico

Libertà e Schiavitù è il tema del Festival del Classico, a Torino dal 2 al 5 dicembre 2021, al Circolo dei Lettori, in via Bogino 9, e in diverse altre sedi sparse per la città. Alla sua quarta edizione, la manifestazione, che usa il pensiero degli antichi per analizzare i fenomeni del presente, offrirà oltre 40 incontri "tra lezioni magistrali, letture, dialoghi, dispute dialettiche e seminari, per riflettere su antiche e nuove disuguaglianze, per mettere a confronto le libertà degli antichi e dei moderni, per dare voce ai classici" anticipa il comunicato stampa. Consideriamo la schiavitù una realtà del mondo antico, quando gli sconfitti diventavano schiavi dei vincitori, quando i padroni avevano potere di vita e di morte sui propri schiavi, avendo il potere di venderli al miglior offerente o di regalare loro la libertà. "La schiavitù nel mondo occidentale è sempre esistita? È ancora presente, al giorno d'oggi, sotto nuove forme? Qual è il risultato della globalizz

Gallerie di Primavera, Torino Spiritualità, Torino Jazz Festival, i primi eventi in città

I Musei stanno riaprendo piano piano, con un calendario e criteri d'ingresso diversi (molti hanno la prenotazione obbligatoria, controllate sempre, prima di organizzare la visita!), e Torino inizia a riprendere la sua vita culturale. Vi segnalo qui alcuni eventi di primavera, alcuni con cambiamento di data o anticipazioni da mettere in agenda!

Torino

Il primo è Gallerie di Primavera, si svolgerà dal 6 al 9 maggio 2021 e coinvolgerà numerose gallerie d'arte torinesi, "una quattro giorni di aperture coordinate che vuol riportare il pubblico a frequentare, in totale sicurezza, luoghi e realtà note che continuano nel loro lavoro di promozione, nonostante le complessità" spiega il comunicato stampa. L'orario comune di Gallerie di primavera è dalle ore 15 alle ore 19, oltre questi orari, poi, ogni singola galleria avrà i propri orari d'apertura. Partecipano a questa manifestazione A Pick gallery, Circolo degli artisti di Torino, Crag-Chiono Reisovà Art Gallery, Csa Farm Gallery, Davide Paludetto Arte Contemporanea, Dr. Fake Cabinet, Drim Contemporary Art Ground, Gagliardi & Domke, Galleria Biasutti & Biasutti, Galleria del Ponte, Galleria Febo e Dafne, Galleria Franco Noero, Galleria Giorgio Persano, Galleria GliAcrobati, Galleria In Arco, Galleria La Rocca, Galleria Malinpensa by La Telaccia, Galleria Moitre, Galleria Riccardo Costantini, Galleria Roccatre, Galleria Umberto Benappi, Galleria Weber & Weber, Just Goat, Luce Gallery, Mazzoleni, Metroquadro, Mucho Mas, Oggetti Specifici, Osservatorio Futura, Phos Centro Fotografia Torino, Quartz Studio, Société Interludio, Tucci Russo Chambres d’Art, White Lands Art Gallery.

Torino Spiritualità, tradizionalmente primo appuntamento culturale dell'autunno, anticipa quest'anno alla primavera, dal 17 al 20 giugno 2021, con "quattro giorni di lezioni, dialoghi, laboratori e letture". Una scelta, questa dell'inizio dell'estate, "per rispondere all'urgenza di ritrovarsi di nuovo insieme, di condividere esperienze e pensieri intorno al presente e a noi stessi. E provare a guardare, di nuovo, lontano, con uno slancio rinnovato" spiegano dal Circolo dei Lettori, che organizza la manifestazione. Il filo conduttore della kermesse è Desideranti, "ispirato dal tempo che stiamo vivendo, per un'edizione tutta dedicata al desiderio come pungolo e impulso, come tensione che è nutrimento della vita stessa. Oggi più che mai siamo 'desideranti', alla ricerca di orizzonti nuovi, di vastità antitetiche rispetto al presente che stiamo vivendo" si legge nel comunicato stampa, che anticipa anche che "lo spazio del festival sarà la città, con incontri dal vivo, tra letture, dialoghi, concerti e spettacoli, ma anche itinerari nella natura, laboratori, esperienze e meditazioni per una rassegna da vivere in tutta sicurezza. Ma non mancheranno gli eventi online, con voci italiane e internazionali, perché il pubblico di Torino Spiritualità non ha confini". Il programma completo sarà online dal 27 maggio 2021, ma il weekend di Torino Spiritualità è già da mettere in agenda.

Nello stesso periodo, dal 19 al 27 giugno 2021, ci sarà la prima parte, Main Stage, del Torino Jazz Festival, che tornerà poi in autunno, dal 27 settembre al 3 ottobre 2021, con la sezione Jazz Cl(H)ub. Entrambe le sezioni si terranno dal vivo, nel pieno rispetto delle norme di sicurezza anticovid sia per il pubblico che per gli artisti e i lavoratori. "Nella prospettiva di un graduale ritorno alla normalità, i direttori artistici Diego Borotti e Giorgio Li Calzi hanno lavorato a un cartellone di concerti con l'intento di portare sul palco i musicisti previsti nel 2020, edizione alla quale non hanno potuto partecipare a causa della pandemia" scrive il comunicato stampa. Il Main Stage del Festival si terrà alle OGR - Officine Grandi Riparazioni, al Conservatorio Giuseppe Verdi e nel Teatro Vittoria; in autunno, il TJF Jazz Cl(H)ub si svolgerà in diversi club cittadini. Il programma sarà presentato il 24 maggio 2021, ma anche in questo caso, l'anticipazione serve per segnarsi le date in agenda.

Uno dei settori più colpiti dalle chiusure della pandemia è quello dello spettacolo. Per questa ragione è nata l'Associazione Amici del Teatro Stabile di Torino, che intende "promuovere la cultura dello spettacolo dal vivo attraverso progetti di coinvolgimento e sviluppo di nuovi pubblici". L'idea è "coinvolgere gli spettatori, farli partecipare in modo attivo alla vita del Teatro, creare un ponte tra artisti e pubblico favorendo le occasioni di incontro e dialogo". Il primo progetto è un ciclo di Talk Teatrali, quattro appuntamenti di primavera, tutti digitali, per conoscere alcuni dei volti più noti della scena torinese. Questo il calendario degli incontri, tutti alle ore 21: lunedì 3 maggio, Matthias Martelli; mercoledì 12 maggio, Olivia Manescalchi; mercoledì 26 maggio, Eugenio Allegri; mercoledì 9 giugno, Laura Curino; sono tutti gratuiti, ma con prenotazione all'email amici@teatrostabiletorino.it, da inviare entro le ore 12.00 del giorno dell’evento in programma, dopo di che si riceverà via mail il link per collegarsi all'incontro sulla piattaforma Zoom. Per chi volesse aderire all'Associazione, la quota annuale dei soci ordinari è 20 euro, per i soci sostenitori parte dal 100 euro. "Chi sceglie di aderire all'Associazione potrà godere di alcuni benefit, tra cui: acquisto di abbonamenti e biglietti a tariffa ridotta, accesso anticipato alle promozioni speciali, partecipazione a incontri esclusivi con artisti e direttori artistici, visite guidate riservate ai soci, anteprime sul programma di stagione e ringraziamento sul sito del Teatro, nella pagina dedicata agli Amici" si legge sul comunicato stampa. Per info, l'email è amici@teatrostabiletorino.it.


Commenti

  1. Grazie mille per la segnalazione delle Gallerie di Primavera. Un saluto da Exhibito

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sempre un piacere segnalare le belle iniziative di Torino che fanno rete e valorizzano la sua cultura e la sua arte!

      Elimina

Posta un commento