Le cupole della chiesa di San Lorenzo e della Moschea di Córdoba, misteri di archi e luce

La chiesa di San Lorenzo custodisce una delle cupole più belle di Torino, la più bella, si potrebbe definire, insieme alla "sorella", la cupola della Cappella della Sindone, non a caso dello stesso architetto, Guarino Guarini. Di lei si sa tutto o quasi da un punto di vista statico, sono meno chiare le influenze culturali, che ispirarono il frate teatino: cosa gli ispirò l'idea di una cupola formata da otto archi intersecantisi, a formare una stella a otto punte e un ottagono su cui impostare la lanterna? Le influenze culturali sono una delle parti più interessanti dell'architettura, che non si limita a metterci un tetto sulla testa, ma è prodotto di idee, tradizioni, contaminazioni e racconta anche il modo di vivere e di pensare, i valori di una società.  La cupola della chiesa di San Lorenzo a Torino (sin), la cupola sul mihrab delal Mezquita di  Córdoba (des) entrambe le foto, da Wikipedia Una delle ispirazioni più chiare di San Lorenzo è la cupola della maqsura

Nella Zona Franca dell'Atelier Beaumont, modella per un pomeriggio

Qualche giorno fa sono stata invitata a Zona Franca dell'Atelier Beaumont, ovvero lo spazio pensato da Paola Benedetta Cerruti per le donne che vogliono coccolarsi provando i suoi vestiti e scoprendo la magia degli abiti di qualità, su misura. Un'esperienza davvero emozionante e divertente, che alla fine ha lasciato anche una buona dose di autostima. Paola ha ragione: i vestiti non vanno guardati in foto o sui manichini, vanno provati. È solamente quando si indossano che si capisce quanto stiano bene e quanto siano adatti a noi. Così, guidata da Paola, che con gli spilli adeguava velocemente le sue creazioni al mio corpo, e dalla sua deliziosa madre, che ha assistito alla mia Zona Franca e mi ha proposto diversi vestiti, ho provato abiti da cocktail, gonne di tulle, tubini, cappotti, gonne lunghe dalle fantasie coloratissime, fino ai vestiti del mio cuore, uno in shantung verde e due da sera in velluto nero, per sentirsi principessa per una notte. Tante le cose belle che ho imparato.

Atelier Beaumont Atelier Beaumont

La prima: tutto è possibile quando c'è una sarta creativa che ti segue, aggiusta le cose al tuo corpo, ha l'occhio per valorizzare i tuoi pregi e nascondere i tuoi difetti. Guardandosi allo specchio, con vestiti su misura, ci si sente mano a mano più sicure e persino più belle. Mi è capitato sin dal primo vestito, che Paola ha chiamato Regina degli scacchi, un classico tubino nero in cady di viscosa, con un colletto bebè in shantung di seta avorio, che accompagna le curve femminili, sottolineandole. Poi sono venuti un delizioso tubino bianco, con trasparenze sensuali, che però io ho immaginato, chissà perché, come vestito da sposa corto, per una cerimonia informale. Il cappotto rosso dagli ampi rever è stato una delle mie passioni, ho un debole per il rosso e questo cappotto in pura lana, con i rever che permettono di dargli almeno tre letture, mi è rimasto nel cuore.

Atelier Beaumont Atelier Beaumont

Così come ho molto amato le gonne, in particolare una gonna nera di organza goffrata, che faceva sentire un po' ballerina e un po' principessa. O la gonna in organza di seta colorata, per me lunghissima, ma perfetta per una notte d'estate e per le ragazze che non temono le trasparenze (e vi assicuro che dopo aver iniziato a provare gli abiti dell'Atelier non avrete timore né di trasparenze né di scollature audaci... io amo entrambe, per cui per me è stato piuttosto facile, lo ammetto). La cosa bella di Zona Franca è infatti la sicurezza in se stesse che mano a mano regala: non sarà che i vestiti su misura servano anche a questo, a sentirsi più sicure di sé? Quello che è certo è che insegna anche ad apprezzare la qualità dei tessuti: toccavo le gonne che provavo e sentivo le stoffe morbide, lisce, eleganti. Belle sensazioni, che aiutano a capire perché questi capi costano di più (e indossandoli si capisce anche che vale la pena quel di più che costano).

Atelier Beaumont Atelier Beaumont

E arriviamo alla mia parte preferita, ovvero i vestiti da sera, che avevo visto in un giro dell'Atelier e che però non pensavo che Paola mi avrebbe fatto provare. Invece. Il vestito in shantung verde, con disegno fatto a mano da un'artista è prezioso ed elegante per una bella serata estiva, magari davanti al mare; le linee sono quelle che piacciono a me, semplici, pulite, che scivolano via. Non saprei scegliere il mio prediletto tra i due vestiti di velluto nero, uno con grandi fiocchi disegnati, l'altro con preziosi ricami che regalano riflessi argentati (della stessa stoffa un cappotto fascinosissimo, ormai esaurito); ogni ragazza si meriterebbe una vita sociale che permetta di indossarli almeno una volta nella vita e sentirsi un po' modella e un po' principessa (appartenenti a collezioni precedenti, costano il 50% in meno, intorno ai 480 euro). E poi l'emozione grande di indossare un vestito da 1200 euro, che li vale tutti: si chiama Abissi, è in raso di seta lilla e chiffon di seta, con sfumature ottanio e rilievi ramage in polvere di vetro verde acqua; elegante come pochi, leggero, morbido, femminile; fa capire il senso dei tessuti preziosi, fa sentire donne e sicure, si immagina l'occasione in cui indossarlo, in qualche cerimonia all'aperto, con questa gonna che segue leggera ogni movimento.

Atelier Beaumont Atelier Beaumont

Il pomeriggio è volato con tanti bei vestiti, accompagnati da conversazioni femminili, suggerimenti, risate, fotografie, luci, biscotti e passati di frutta dal sapore estivo. E io mi sono divertita, scoprendo quanto il su misura sappia valorizzare ogni corpo, quanto i tessuti di qualità facciano la differenza e quanto ogni donna possa sentirsi bellissima, con i vestiti adeguati.

Zona Franca continuerà per tutto giugno: regalatevelo, per le coccole che riceverete, i consigli di Paola, il gusto di scoprire Ten, la collezione per i dieci anni dell'Atelier Beaumont, con gonne e giacchine facilmente abbinabili per soluzioni sempre diverse, siano casual o chic, l'emozione di essere un po' principessa e un po' modella per un pomeriggio.

Grazie a Paola Benedetta Cerruti per le fotografie: non solo stilista, ma anche fotografa!


Commenti